Catania, Una mostra personale dell’artista lentinese Antonella Serratore nel Museo Emilio Greco di Catania fino al 15 aprile. Curata dal critico d’arte Fortunato Orazio Signorello e promossa dall’Accademia Federiciana, propone 30 opere.

CATANIA – Dopo essere state esposte negli ultimi anni in prestigiose expo e mostre nazionali e internazionali riscuotendo consensi unanimi di pubblico e di critica, 30 opere dell’artista lentinese Antonella Serratore fino al 15 aprile sono esposte nelle sale del prestigioso Museo Emilio Greco di Catania, dove l’Accademia Federiciana ha promosso e allestito una sua mostra personale dal titolo “Contrasti cromatici”. Ideata e curata dal noto critico d’arte Fortunato Orazio Signorello nell’ambito del VII Festival siciliano della Cultura, la mostra evidenzia come l’artista lentinese si è sempre distinta per la sua creatività e per la costante ricerca pittorica basata sul segno, sul colore e sull’elaborazione compositiva. La mostra è accompagnata da una monografia editata dalla Kritios Edizioni, a cura di Fortunato Orazio Signorello, contenente – oltre a una biografia e a molti giudizi critici – un testo critico dello stesso Signorello, che all’artista ha già dedicato un’altra pubblicazione monografica, editata nel 2012 dalla Kritios Edizioni, dal titolo “Antonella Serratore. Dinamismo stilistico”. Di lei Signorello ha scritto, tra l’altro, che la Serratore «eccelle soprattutto per le capacità di armonizzare gli stili e le esperienze eterogenee che fanno parte del suo vissuto» e che la sua produzione «finisce per segnalarsi, inesorabilmente, come un unicum; attestando lo scopo precipuo della Serratore: “elaborare” un linguaggio proprio filtrato da una personale esecuzione tecnica e da più stili, in assonanza con le proprie intuizioni, per qualificare l’intero processo creativo-intuitivo come un equilibrato risultato d’integrazione». L’artista – che i critici continuano ad apprezzare per il suo linguaggio pittorico impregnato da un’originale ricerca di libertà espressiva del tutto personale – negli ultimi 12 anni ha portato avanti un suo percorso artistico autonomo passando con disinvoltura da un approccio figurativo tradizionale a un figurativo più moderno, dal quale è scaturita una ricerca che mostra un interesse della Serratore anche per l’astrattismo e per stili espressivi assolutamente diversi che richiamano fortemente tradizioni, processi rituali e movimenti artistici quali l’Espressionismo, il Realismo e il Surrealismo. La mostra è visitabile da lunedì a sabato dalle 9 alle 19, domenica dalle 9 alle 13. È supportata da una pubblicazione monografica curata da Fortunato Orazio Signorello ed editata dalla Kritios Edizioni. Verrà distribuita in omaggio a tutti i visitatori. Ingresso libero.