Lentini, il commissario dell’Udc di Lentini e Carlentini Enzo Nicastro segnala che l’ospedale di Lentini è stato declassato a Dea di 2° livello, ossia ospedale di base.

LENTINI – “Approvata in commissione Sanità la nuova rete ospedaliera siciliana predisposta dall’Assessore alla Sanità Ruggero Razza. Da mesi si era a conoscenza del nuovo piano di riorganizzazione della nuova rete ospedaliera siciliana e che, da quello che si era già compreso, l’ospedale di Lentini sarebbe stato declassato a DEA di secondo livello, ossia ospedale di base (quelli che mantengono almeno quattro unità operative come i pronto soccorso, la chirurgia generale, la medicina generale e l’ortopedia)”. Lo ha denunciato il commissario dell’Udc di Lentini e Carlentini Enzo Nicastro che ha inviato una lettera aperta al presidente della Regione Nello Musumeci. “L’ospedale di Lentini è stato declassato e non DEA di primo livello (grossi ospedali che dispongono di aree di pronto soccorso di primo livello con funzioni di rianimazione e degenza) come meritava di essere. La mancanza di elementi di valutazione della nuova rete ospedaliera non ci permette di esprimere, in linea generale, nessun giudizio sulla nuova offerta sanitaria regionale. Male e soprattutto grave l’indifferenza dimostrata, mentre la classe politica delle altre province alzavano le
barricate per difendere i bisogni dei propri territori e rivendicavano la tutela del diritto alle cure e alla salute dei propri concittadini, dal nostro Sindaco di Lentini Dr. Saverio Bosco, dal quale ancora una volta non è arrivata nessuna “chiamata alle armi”. Non so se ci siano più i tempi per un confronto trai istituzioni e regione, o elementi giuridici o amministrativi per opporsi a tale provvedimento e recuperare così l’ennesima grave ingiustizia e mortificazione subita dal nostro territorio; se ci sono, i Sindaci che hanno a cuore i bisogni e il diritto alle cure e alla salute dei propri cittadini si facciano promotori di iniziative e delle giuste rivendicazioni presso il Presidente della Regione Sicilia On. Nello Musumeci e l’Assessore Regionale
alla Sanità Ruggero Razza”.